L’antica minestra maritata

minestra-maritataIn occasione delle festività natalizie, ci sono alcuni piatti a cui le famiglie campane non rinunciano e che fanno parte della tradizione culinaria del territorio da tempi immemori. Tra questi c’è sicuramente la minestra maritata (‘a menesta ‘mmaretata), una ricetta a base di verdure e di carne che si usa preparare soprattutto per le feste di Natale e di Pasqua. L’origine del nome si deve proprio al fatto che le verdure “si sposano” con la carne, in un matrimonio di gusto e tradizione.

La minestra maritata ricetta tradizionale è di origine campana, ma nel tempo sono nate delle rivisitazioni territoriali, come la minestra maritata calabrese, la minestra maritata pugliese e la minestra maritata siciliana, nonché delle varianti come la minestra maritata vegetariana, la minestra maritata di mare e la minestra maritata vegan.

La minestra di verdure maritata è considerata uno dei piatti napoletani dalle origini più antiche, tanto che una ricetta molto simile si trovava nel De re coquinaria di Apicio, una raccolta di ricette dell’età romana. Ad importare questa tradizione in terra partenopea sarebbero stati gli spagnoli nel 1300. In Spagna esiste infatti un piatto che si avvicina molto alla minestra maritata, che si chiama olla potrida (“pentola putrefatta”) e che ha ispirato in parte anche la cossoeula lombarda.

La minestra maritata è composta da: cicoria, piccole scarole (scarulelle), verza, borraggine, e in alcuni casi catalogna (in napoletano puntarelle). Come carne, per tradizione, si usa quella di minor pregio: costine (tracchiulelle), salsicce (in genere la nnoglia o salame pezzente) e altri tagli. La ricetta viene spesso modificata a causa della difficoltà di reperire alcuni degli ingredienti tradizionali. Vediamo come si prepara la classica minestra maritata alla napoletana.

Ingredienti (per 8 persone)

          • 3 kg di verdure miste (cicoria, scarulelle, verza, borraggine)
          • 1 kg di carne mista (costine di maiale, salsicce)
          • 1 patata
          • 1 cipolla
          • 1 carota
          • 1 costa di sedano
          • olio extravergine di oliva
          • sale

 

minestra-maritataPreparazione

Per cominciare procuratevi una pentola molto capiente, riempitela d’acqua leggermente salata e versatevi a freddo la patata, la cipolla, la carota, il sedano e la carne a pezzi, quindi portate a bollore. In un’altra pentola lessate le verdure in acqua salata ma non fatele cuocere per troppo tempo: la cottura si completerà nel brodo. Filtrate il brodo e unitelo alle verdure, aggiungendo qualche cucchiaio di olio extravergine di oliva e del sale, se necessario. Fate cuocere la minestra sul fuoco per altri 15-20 minuti, quindi lasciatela riposare con il coperchio per qualche ora, affinché si insaporisca. Servitela calda, con una spolverata di parmigiano o pecorino grattugiato a piacere. L’accompagnamento per eccellenza di questa pietanza sono gli scagliuozzi, delle tipiche frittelle di farina di mais, ma andrà bene anche del semplice pane tostato. Buone feste!   

 

Commenta con Facebook
Recommended Posts